Eduardo Ciarcia

Eduardo Ciarcia

Viaggiatore, appassionato e conoscitore di vini. Ama la sua terra, ma soprattutto il buon gusto ed il piacere a tavola. I suoi vini preferiti Taurasi e Coda di Volpe. Il prodotto tipico il pecorino di Carmasciano. Il suo Piatto Spaghetti Sciuè Sciuè

URL del sito web: http://twitter.com/EduardoCiarcia

Mele di Valle di Maddaloni (CE) In evidenza

Festa della Mela della Valle di Maddaloni 2016: l'esperienza di CampaniaChe...ti passa

Pubblicato in Blog

Ciao #sagrabusters eccoci al racconto di un'altra nuova esperienza enogastronomica innovativa, stavolta alla ventiquattresima edizione della festa della mela di Valle di Maddaloni, in provincia di Caserta. Manifestazione organizzata dalla Pro Loco Valle che si è tenuta dal 13 al 16 Ottobre per onorare questo frutto tipico di questa terra, la dama delle mele, la Mela Annurca.

Leggi tutto...
Piazza San Martino durante la Sagra Virni e Asparagi 2016 In evidenza

Sagra dei Virni e degli Asparagi 2016: l'esperienza di "CampaniaChe...ti passa"

Pubblicato in Blog

Ciao #sagrabusters vi voglio raccontare della nostra esperienza alla Sagra dei Virni e degli asparagi che si è tenuta dal 19 al 22 Maggio 2016.

Ma partiamo dal principio di tutto! L’anno scorso, ad Ottobre, partecipammo a alle Domeniche dell’Olio e come nostra prassi contattammo il referente dell’organizzazione dell’evento, Gianfranco Ruggiero, responsabile dell'APT Cerretese, il quale ci ha gentilmente fornito le info necessarie. Da quel momento è nato un forte interesse nei confronti del Comune di Cerreto Sannita per cercare di scoprire tutte le sue meraviglie...

Leggi tutto...

Catacombe di San Gaudioso

Pubblicato in luoghi di interesse a Napoli

Nel quartiere Stella del Rione Sanità nasce tra il IV Secolo e il V secolo d.c. un area cimiteriale da prima ipogei ellenistici e poi successivamente catacombe paleocristiane. Sono ben nove le catacombe e i complessi ipogei sotto il rione Sanità, ma non tutti riportati alla luce, i più noti sappiamo bene esse quelle le Catacombe di San Gennaro, Le catacombe di San Gaudioso, Le catacombe di San Severo e il Cimitero delle Fontanelle.

Situate sotto la Chiesa di Santa Maria della Sanità, o per quelli del posto la chiesa di San Vincenzo detto O’munacone - ma questa è un altra storia -nel Rione Sanità, zona chiamatà cosi perchè ritenuta una zona salubre e incontaminata anche grazie alle proprietà miracolose dei santi li sepolti. Da qui il nome di Catacomba di San Gaudioso.

Leggi tutto...
Itinerario a Valle delle Ferriere In evidenza

Trekking Sentiero Alto delle ferriere: l'esperienza di CampaniaChe...ti passa

Pubblicato in Blog

Esperienza Trekking Sentiero Alto delle ferriere con l’Associazione Culturale Ulyxes

Salve amici #enogastronauti eccomi a raccontarvi un’altra esperienza di turismo enogastronomico nella nostra bellissima Regione. 

Per questa esperienza mi sono messo in contatto con l’Associazione Culturale Ulyxes, affiliata alla Federazione Italiana Escursionismo, presente nel territorio della penisola sorrentina che promuove escursioni per i monti Campani e non solo. Un’associazione che seguo sui social già da un pò di tempo e che avevo voglia di conoscere in prima persona perchè ben organizzati e con un programma annuale di escursioni interessanti e per tutti i livelli, vedete le date delle escursioni già fissate (vedi il programma del 2016) sul loro sito www.ulyxes.com  

Leggi tutto...
Li Squacqualacchiun & la Sagra delle Tomacelle 2016: l'esperienza di CampaniaChe...ti passa In evidenza

Li Squacqualacchiun & la Sagra delle Tomacelle 2016: l'esperienza di CampaniaChe...ti passa

Pubblicato in Blog

Amici #enogastronauti eccovi con il mio consueto ritardo per il racconto dell’esperienza dei #sagrabusters a Teora in provincia di Avellino per la manifestazione dedicata alla maschera tipica degli Squacqualacchiun in concomitanza con la sagra della Tomacella, piatto tipico locale.

Come consuetudine per noi tutto parte col contattare direttamente l’ente promotore della manifestazione per poter conoscere e condividere meglio le giuste informazioni, dal programma dell’evento, al luogo, alle tradizioni locali e all’enogastronomia locale come il piatto tipico co-protagonista della serata insieme alle maschere.

Leggi tutto...
Festa della Vendemmia a Tufo edizione 2015: l'esperienza di CampaniaChe...ti passa In evidenza

Festa della Vendemmia a Tufo edizione 2015: l'esperienza di CampaniaChe...ti passa

Pubblicato in Blog

Cari #enogastronauti con l'autunno, ai #sagrabusters, è venuta voglia di vendemmiare! Per questo non potevamo mancare all'appuntamento con la terza edizione della "Festa della Vendemmia", manifestazione organizzata dalla Pro Loco del Comune di Tufo con l'intento di valorizzare e promuovere il proprio territorio attraverso attività didattiche/ricreative mirate a richiamare l'attenzione delle famiglie con le attività della raccolta, pigiatura e per i più temerari, la degustazione del “mosto” accompagnato da piatti tipici della verde #Irpinia. Ma iniziamo con il racconto della nostra esperienza enogastronomica innovativa…

Leggi tutto...
Sagra della Castagna di Montella In evidenza

Itinerario Sagra della Castagna di Montella 2015

Pubblicato in Itinerari

Cari #enogastronauti o per chi ci segue nelle nostre spedizioni "Cari #Sagrabusters" eccoci qui alla vigilia di uno degli eventi di maggiore spessore dell'autunno Campano "la 33ª Sagra della Castagna di Montella I.G.P." per promuovere il nostro itinerario. Ci proponiamo di farvi passare una splendida giornata da ricordare.

Diciamo che per iniziare bene la domenica mattina, senza stress, ci vuole una buona colazione. Il nostro consiglio è quello di valutare in base a dove vi trovare, logisticamente parlando, la location adatta per una buona colazione. Per esempio noi stiamo organizzando due gruppi, il primo proveniente dalla Penisola Sorrentina, farà sicuramente sosta al Belvedere per un buon caffè e cornetto della Dolciara Stabiese. Il secondo dai paesi limitrofi di Napoli. L'appuntamento con i vari partecipanti è alle ore 11 da Moccia, all'uscita di Avellino Est per un caffè e rifornimenti vari. Poi tutti insieme, nelle nostre tre autovetture a uso carovana, prenderemo la direzione di Montella.

Prima tappa: Il "Convento di San Francesco a Folloni". Dalle info che abbiamo ottenuto telefonando ai frati è che il "Museo dell'Opera", annesso al convento, sarà aperto fino alle ore 14:00. Interessantissime sono le storie legate ai miracoli che si raccontano su questo Convento; Dalla sacca piena di pane, miracolosamente apparsa in aiuto dei Frati, bloccati in chiesa dalla neve e del miracolo del Leccio che ha dato vita a questo Convento. Inoltre nel museo sarà possibile ammirare gli arredi originali dell'appartamento di Umberto di Savoia, che è stato più volte ospite del convento, oltre alle sontuose vesti restaurate di Diego Cavaniglia, risalenti al '400. Unici al mondo. Dopo aver curato l'aspetto storico&culturale, prevendendo di uscire dal museo intorno alle 14:00 - ci dirigeremo verso il centro storico di Montella. Il Programma dell'evento ci assicura che già dalle 10:00 del mattino ci sarà l'apertura degli stand enogastronomici, per rifocillarci di buon gusto. Per esperienza sappiamo che la scelta di leccornie è vasta... ci sarà un'infinità di stand che già solo dal nome risultano intriganti (Vedi Planimetria), di sicuro io andrò alla ricerca del castagnaccio come dolce!. Contiamo la bellezza di 126 stand, che si dividono tra enogastronomia e artigianato locale. Per quanto ci riguarda, il primo approccio sarà presso lo stand della ProLoco, per raccogliere il materiale informativo per poterci muovere meglio (mappa, programma ed info in generale sullo svolgimento dell'evento) e solo dopo attaccheremo quelli enogastronomici per poi finire sulle castagne di Montella I.G.P., di cui faremo sicurmente scorta, anche se bisogna essere sempre attenti a quelle originali, vedi articolo sulle castagne della nostra Regione!

A questo punto del nostro itinerario ci proponiamo un po' di moto post incursione agli stand. Coglieremo l'occasione per visitare il castello del Monte che risale al VI secolo dc. e da poco restaurato. Sicuramente ne approfitteremo anche per riposarci e sdraiarci un pò, aspettando il tramonto e a goderci la festa con i suoi spettacoli di musica balcanica, folk e i grandi Bottari di Macerata Campania Suoni Antichi, senza dimenticare che ci saranno anche i gruppi itineranti per le varie straduzze del centro.

Qui in basso trovate le foto della nostra esperienza per la 33ª edizione della Sagra della Castagna di Montella 2015. Vi consigliamo, se non volete seguire il nostro itinerario, di dare uno sguardo al programma dell'evento che ha tanto da offrire, a partire dalla possibilità di seguire una lezione di tarantella fino alla visita della mostra degli antichi mestieri.

Se avete gradito le nostre segnalazioni continuate a seguirci per essere sempre aggiornati.
Leggi tutto...

Il Convento di S. Francesco a Folloni (Av)

Pubblicato in luoghi di interesse ad Avellino

Percorso tra Storia & Cultura...

 

Amici #enogastronauti vi invitiamo a visitare il convento di San Francesco di Folloni che deve il suo nome al luogo dove si verifico il miracolo del Leccio. Si narra che il Santo mentre era di passaggio per Montella per raggiungere il Santuario di San Michele sul Gargano, chiese ospitalità al feudatario presso il castello di Montella. Qui il castellano, non essendo a conoscenza della fama del Frate, lo scaccio. San Francesco trovo riparo nel Bosco di Folloni, all'epoca infestato dai briganti, dove passo la notte sotto a un leccio con alcuni dei suoi confratelli.

Leggi tutto...

Greco di Tufo D.O.C.G.

Pubblicato in prodotti e piatti tipici di Avellino

Scopri la tipicità...

Il Greco fu introdotto in Campania, e precisamente nell'area vesuviana probabilmente dai Pelagi, un popolo originario della Tessaglia. Solo trala fine dell'800 e l'inizio del'900 inozio ad essere contivato nelle zone interne, trovando il proprio territorio nella Valle del Sabato irpinia, una piccola area piuttosto omogenea caratterizzata da terreni di origine vulcanica, fortemente argillosi e calcarei, ricchisimi di minerali, in particolare lo zolfo che venica estratto e lavorato presso le miniere Di Marzo fino all'inizio degli anni '80.

Leggi tutto...

Il Pomodoro di Sorrento

Pubblicato in prodotti e piatti tipici di Napoli

Scopri la tipicità...

Il pomodoro di Sorrento detto anche “cuore di bue”, coltivazione tradizionale di tutti i comuni della costiera ed in particolare di Sant’Agnello e Piano di Sorrento, è un pomodoro di grossa pezzatura dalla forma rotondeggiante: di colore rosso chiaro tendente al rosa con sfumature verdi alla raccolta. Ha una polpa deliziosa, carnosa e compatta dal sapore dolce e delicato.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS