Giusy Narducci

Giusy Narducci

Amministratrice di una società di noleggio autobus, viaggi e gran turismo. Blogger freelance Campana per passione. Ama viaggiare per scoprire posti nuovi, la sua passione più grande è quella di cucinare. Il suo piatto preferito le lasagne e il suo prodotto tipico preferito è la pizza.

Ciao cari amici e followers di campaniache, e come ogni anno ci ritroviamo qui per dare il benvenuto alla magica aria natalizia che si inizia a respirare.
Infatti con il il primo freddo e con l’arrivo di Novembre, l’aria natalizia non ci ha messo tanto ad arrivare, e con essa l’annuale appuntamento con un classico della tradizione campana i Presepi Viventi e l’Arte presepiale.

In questo articolo cercheremo, per quanto possibile elencare tutte le manifestazioni, mostre , e lo svolgimento dei presepi viventi, in giro per la nostra amatissima Campania.
I presepi in Campania sono un appuntamento indiscusso che attira migliaia di visitatori da tutte le parti di Italia.
In Campania questa tradizione si tramanda di generazione in generazione, infatti non è un caso che i più famosi maestri Presepiali nascono proprio qui.

Martedì, 19 Luglio 2016 21:38

Il panuozzo di Gragnano

Scopri la tipicità...

Ciao cari amici enogastronauti e à followers di campaniache, oggi vi porto alla scoperta di un prodotto tipico campano, il famosissimo Panuozzo. Una bontà infinita. Allora vediamo le sue origini.
Il Panuozzo, o meglio conosciuto da noi tutti campani come 'o panuozz', è un prodotto alimentare tradizionale della Regione Campania, commercializzata in modo particolare nelle pizzerie di Gragnano, e dei Monti Lattari.
Il panuozzo ha la forma di un grande panino, tipo saltimbocca, realizzato con lo stesso impasto della pizza.

Domenica, 12 Giugno 2016 14:19

Fragolina degli Alburni

Scopri la tipicità...

Ciao cari amici enogastronauti e #followers di CampaniaChe, oggi vi porto alla scoperta della fragolina degli Alburni e dell’Alto Sele.

Questa fragolina meglio conosciuta come fragolina di bosco, viene raccolta e coltivata nei comuni, di Auletta, Sicignano, Petina, Polla, Castelcivita, Postiglione, San Gregorio Magno, Buccino, Colliano, Valva, Laviano, Campagna, Acerno, quindi interessa tutta la zona dei Monti Alburni e la media e alta pianura del Sele.

Percorsi tra Storia & Cultura...

Un saluto a tutti gli amici e followers di CampaniaChe…ti passa, oggi vi vogliamo far conoscere una delle chiese più importanti ed antiche di Cerreto Sannita. La Chiesa di San Martino Vescovo fu citata per la prima volta all’interno di un diploma, datato 22 Aprile 972.

A cavallo fra il XV e il XVI secolo, la Chiesa venne descritta come simile ad una “casa diruta”, avente una copertura di piccoli legni, ma nonostante venisse denominata così, essa era una delle 6 parrocchie di Cerreto antica, ed era curata da un arciprete che celebrava quotidianamente la messa per i propri fedeli.

Domenica, 24 Aprile 2016 16:44

Comune di San Marco dei Cavoti (Bn)

Percorsi tra Storia & Cultura...

Ciao cari amici enogastronauti e #followers di campaniache oggi scopriamo un piccolo paesino della provincia di Benevento, San Marco Dei Cavoti.
Fonti storiche raccontano, che nella seconda metà del XIV secolo una piccola colonia di provenzali si insediò sullo stesso territorio dove al tempo dei sanniti vi era la citta di Cenna, località che ora viene chiamata Zenna.

Lunedì, 11 Aprile 2016 16:19

Riso con il Carciofo Bianco di Pertosa

Ciao cari amici enogatronauti e followers di campaniache, oggi vi propongo una ricetta molto semplice fatta con uno degli ortaggi più antichi della Campania. Esso veniva utilizzato sin dai tempi dei Romani per arricchire qualsiasi piatto e soprattutto veniva servito come contorno, stiamo parlando del famosissimo Carciofo Bianco di Pertosa, dalle proprietà salutistiche eccezionali e dal suo profumo inconfondibile, questo ortaggio viene coltivato e curato nel Comune di Pertosa di Provincia di Salerno e non solo.

Vediamo di seguito come preparare un bel piatto originale a base di questo noto ortaggio. :)

Lunedì, 11 Aprile 2016 15:50

Il Carciofo Bianco di Pertosa

Scopri la Tipicità…

Ciao cari amici enogastronauti e #followers di campaniache, oggi vi porto alla scoperta di un prodotto tipico, molto particolare e molto buono, presente spesso sulle tavole in giro per la Campania, ossia il Carciofo di Pertosa.

Il Carciofo di Pertosa è una speciale qualità di carciofo, dalle caratteristiche inconfondibili e differenti dal classico carciofo che tutti noi conosciamo ed utilizziamo nella nostra cucina e sulle nostre tavole. Esso infatti è molto più tenero ed ha un colore più chiaro, quasi biancastro rispetto ai classici carciofi ed inoltre è privo di spine.

Scopri la ricetta...

Ciao cari amici #enogastronauti e followers di Campaniache, oggi vi porto alla scoperta di una prelibatezza napoletana, quale il migliaccio salato. Questo noto rustico, cucinato un po' in tutta la Campania, è spesso presente in questo periodo sulle tavole di tante famiglie in tutte le province, ma in particolare sembra sia molto diffuso su quelle napoletane.

Le origini di questo rustico risalirebbero al medioevo, la parola migliaccio deriva dal latino “miliaccium” che indicava, il tradizionale pane di miglio.

Scopri la ricetta...

Ciao a tutti #enogastronauti e followers di Campaniache, oggi parliamo di un classico della cucina napoletana. Presente in questo periodo sulle tavole non solo Napoletane ma di tutta la Campania, parliamo del Casatiello quello rustico per eccellenza del periodo Pasquale in Campania.

Il termine Casatiello deriva dal latino “ Caso” che in dialetto Napoletano vuol dire formaggio, in quanto il casatiello e ricchissimo di formaggio pecorino, ingrediente fondamentale.

Scopri la ricetta...

Casatiello Dolce o (Monte di Procida)

Ciao amici #enogastronauti e followers di Campaniache, oggi parliamo del Casatiello Dolce o meglio conosciuto con il nome di Monte di Procida, esso infatti viene chiamato così perché si narra sia nato dall'opera di qualche cuoco creativo originario del Monte di Procida.

Questo casatiello è totalmente diverso dal piu' noto e classico casatiello napoletano rustico, proprio perchè è completamente dolce, ma anch'esso viene consumato preferibilmente nel periodo pasquale, e non solo nei Campi Flegrei.

Pagina 1 di 2