Venerdì, 19 Maggio 2017 18:09

Storia e ricetta della torta caprese

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

È un dato di fatto poter affermare che alcune ricette di bontà tipiche partenopee, soprattutto dolci, sono frutto di errori, spesso di distrazioni che si sono rivelate idee vincenti. Molti prodotti che si riteneva potessero rivelarsi un totale fallimento hanno registrato un inaspettato successo, diventando col tempo un punto di riferimento nella tradizione gastronomica napoletana, e tra queste ricette c’è sicuramente quella della torta caprese. 

La dolce storia della caprese 

La torta caprese è un dolce adatto per ogni occasione, golosissimo e dal particolare dualismo tra esterno più duro e interno più morbido. Non è un dolce secco come molti erroneamente pensano, anzi: la caprese deve essere umida, morbida e piacevolissima al palato. Il dolce è nato nel 1920 a Capri, isola dalla quale prende il nome.

Torta caprese 1

Il cuoco Carmine di Fiore stava preparando una torta alle mandorle per alcuni malavitosi: non si sa se sia stata la fretta, ma si rese conto solo con il dolce già nel forno di aver dimenticato negli ingredienti la farina e si agitò pensando alla possibilità che i malavitosi potessero non gradire e reagire male. Alla fine, la sorpresa: un profumo inebriante anticipò la scoperta di un dolce squisito, che piacque molto ai malavitosi e che il cuoco propose più volte nei tempi successivi, fino a diventare una presenza immancabile nelle nostre pasticcerie oggi. 

La ricetta 

La ricetta nel tempo ha registrato un’evoluzione, non negli ingredienti da usare ma nel modo in cui vengono proposte per creare l’impasto: le mandorle ad esempio vengono tritate grossolanamente oppure finemente, mentre le uova vengono unite all’impasto una alla volta o gli albumi sono montati a neve e aggiunti alla fine. Ecco una ricetta della torta caprese secondo quest’ultima modalità. 

Torta caprese 2Ingredienti

350gr di mandorle pelate

350gr di cioccolato fondente

300gr di burro

200gr di zucchero

5 uova

1 pizzico di sale

zucchero a velo 

Tostare le mandorle in forno a 200° per alcuni minuti, distribuendole su una teglia, poi tritarle. Fondere a bagno maria cioccolato e burro in un pentolino e mescolare. Lavorare i tuorli con lo zucchero e montare gli albumi a neve con un pizzico di sale, aggiungere al composto di cioccolato e burro prima le mandorle, poi i tuorli, mescolando, e infine gli albumi, questa volta però con un movimento delicato dall’alto verso il basso. Imburrare e infarinare uno stampo circolare e inserire il composto ottenuto. Infornare a 180° per circa un’ora e, una volta raffreddata, cospargere la torta di zucchero a velo. 

Torta caprese 3

 

Per essere sempre aggiornato circa le maggiori novità in Campania seguici su facebook e instagram
Letto 317 volte Ultima modifica il Domenica, 09 Luglio 2017 19:22
Emilia Sensale

Giornalista napoletana impegnata soprattutto in cronaca ed enogastronomia, studentessa di archeologia, poetessa e scrittrice vincitrice di numerosi concorsi letterari, artista impegnata coi colori della pittura e nel catturare istanti di vita e di gusto con la sua macchina fotografica, ma anche appassionata di cucina, ricampo e dei lavori all'uncinetto.

www.facebook.com/EmiliaSensale89