Venerdì, 24 Novembre 2017 09:57

Il raffiolo

Nella tradizione culinaria, specialmente quando si parla di dolci, spesso si ha a che fare con creazioni dalla storia secolare, contraddistinta da vincenti intuizioni e gustose influenze da varie tradizioni. Il raffi(u)olo a cassata è uno dei più golosi dolci del periodo natalizio in territorio partenopeo e la sua genesi è proprio un miscuglio di caratteristiche che uniscono il Nord e il Sud dell'Italia. 


Il raffiolo è un dolce dalla particolare forma ellittica, formato da due dischi simili al Pan di Spagna: un primo disco è alla base, viene rigorosamente bagnato e al centro c'è una golosa crema di ricotta e zucchero con gocce di cioccolato, che non si presenta come semplice strato ma cresce in altezza. Arriva poi il secondo disco, sul quale si appoggia solitamente un rettangolino di zucchero di colore verde e il tutto viene ricoperto con una glassa bianca. Come molti dolci tipici, anche il raffiolo napoletano si presenta da anni con delle innovazioni e la proposta più golosa e diffusa è sicuramente il raffiolo al cioccolato: l'interno fisicamente è uguale, ma la crema di ricotta è al cioccolato e la copertura è uno strato di cioccolato che si presenta più compatto rispetto alla morbidezza della classica glassa bianca.

Per comprendere come è nato il raffiolo è necessario ricollegarsi alle leggende che vengono tramandante da tanto tempo, ma una su tutte afferma che questo dolce sarebbe nato grazie a un'idea delle monache benedettine del Convento di San Gregorio Armeno. Intorno al Settecento, infatti, le monache erano affascinate da una tradizione di origine nordica, vale a dire i ravioli di pasta fresca imbottiti, e crearono i cosiddetti 'ravioli dolci'. Da lì in poi il dolce ha subito delle trasformazioni fino ad essere la bontà che possiamo assaggiare oggi e che da alcuni anni è visibile nei banconi delle pasticcerie già dal mese di novembre. A conferma di tale leggenda c'è proprio il nome del dolce poiché 'raffiuolo', infatti, deriverebbe dalla parola 'raviolo'.

Per essere sempre aggiornato circa le maggiori novità in Campania seguici su facebook e instagram
Giovedì, 23 Novembre 2017 19:35

La cassata napoletana

Più semplice e più leggera: in un primo momento potrebbe essere questo il commento a caldo di chi vuole paragonare la cassata napoletana con quella siciliana. Eppure, non c’è alcun bisogno di fare paragoni: in verità sono due cose distinte, sicuramente con le loro uguaglianze ma soprattutto con le loro differenze, strettamente collegate ma anche con una propria gustosa unicità.

Lunedì, 20 Novembre 2017 18:23

I raffioli a cassata napoletani, la ricetta

Ecco la ricetta per preparare quindici raffioli, nel procedimento c’è anche la spiegazione per preparare il naspro e ottenere così la glassa per i dolci.

Per comprendere come è nato il raffiolo leggi qui --> Il raffiolo

Pubblicato in Ricette dalla Campania
Venerdì, 19 Maggio 2017 18:09

Storia e ricetta della torta caprese

È un dato di fatto poter affermare che alcune ricette di bontà tipiche partenopee, soprattutto dolci, sono frutto di errori, spesso di distrazioni che si sono rivelate idee vincenti. Molti prodotti che si riteneva potessero rivelarsi un totale fallimento hanno registrato un inaspettato successo, diventando col tempo un punto di riferimento nella tradizione gastronomica napoletana, e tra queste ricette c’è sicuramente quella della torta caprese. 

Pubblicato in Ricette dalla Campania

Ciao cari amici #sagrabusters e follower di CampaniaChe..., sul nostro sito siamo soliti parlare di eventi, itinerari turistici, percorsi enogastronomici, luoghi di interesse e località nella nostra amata Regione Campania.

Stavolta invece parliamo di gastronomia, con una novità che ha attirato anche la nostra attenzione... due Sfogliacampanelle, un cuore e tanti baci.

Pubblicato in Blog

Scopri la ricetta...

Casatiello Dolce o (Monte di Procida)

Ciao amici #enogastronauti e followers di Campaniache, oggi parliamo del Casatiello Dolce o meglio conosciuto con il nome di Monte di Procida, esso infatti viene chiamato così perché si narra sia nato dall'opera di qualche cuoco creativo originario del Monte di Procida.

Questo casatiello è totalmente diverso dal piu' noto e classico casatiello napoletano rustico, proprio perchè è completamente dolce, ma anch'esso viene consumato preferibilmente nel periodo pasquale, e non solo nei Campi Flegrei.

Pubblicato in Ricette dalla Campania

Scopri la ricetta...

Ciao cari amici #enogastronauti e #followers di CampaniaChe, oggi vi proponiamo un classico della cucina napoletana, il migliaccio nella sua versione dolce. Questo è un tipico dolce pasquale, soffice, semplice ed economico. 

Il Migliaccio dolce, per tradizione viene preparato il martedì grasso e consumato per tutto il periodo pasquale, questo saporitissimo e soffice dolce viene chiamato anche propriamente il “Dolce dei Contadini” in quanto nato sulle tavole di contadini, lavoratori di campo, preparato con prodotti semplicissimi come la semola e la ricotta fresca.

Pubblicato in Ricette dalla Campania

Scopri la tipicità...

Napoli è bella sempre, in qualsiasi stagione, ma a Natale splende di una luce diversa, unica. Le festività natalizie nel capoluogo campano sono infatti ricche di tradizioni speciali rispetto alle altre città italiane: basti pensare all'arte presepiale, che trova a San Gregorio Armeno la sua massiva espressività creativa. Non a caso nel mese di Dicembre si registra un picco di visitatori, specialmente nel ponte dell'Immacolata appena concluso. E al turista affamato per le vie del centro storico, la cucina napoletana, già rinomata in ogni momento dell'anno, offre adesso il trionfo dei trionfi: i dolci natalizi della tradizione...

Pubblicato in Blog